Cosa si intende per Disaster Recovery?

Il Disaster Recovery nasce per poter agire in modo agile e proattivo a qualsiasi tipo di evento disastroso. I server soprattutto possono essere vittime di vari elementi che possono portare ad una serie di disservizi. Come accennato in precedenza, le operazioni di messa in sicurezza della piattaforma informatica Tindaro Web di Pietro Mollica non devono essere viste solo in funzione anti hacker ma anche per malfunzionamenti dovuti a problemi inerenti le sale server ed altri problemi interni alla compagnia. Si ha quindi la necessità di considerare una serie di misure e strategie molto utili per garantire il ripristino di tutti gli asset dall’infrastruttura fino ai dati. 

Disaster Recovery Plan: scopriamo meglio questo sconosciuto

Essendo molto importante, il DR Plan è un elemento estremamente importante per le associazioni, le aziende e la pubblica amministrazione vista la loro particolare struttura. Normalmente il piano di ripristino comprende una serie di elementi che vanno creare un complesso di regole per la creazione di una risposta agile a qualsiasi problematica. Questo piano prende il nome di Business Continuity Plan, o più semplicemente BCP.

Disaster Recovery: quali sono i disastri da prendere in considerazione?

Come  accennato in precedenza, i disastri che possono colpire un sistema informatico sono molti ed è per questo motivo che è necessario creare un piano in grado di andare incontro ad una serie di problematiche. Il Business Continuity Plan deve prevedere in considerazione malfunzionamenti che possono essere  causati da eventi naturali come terremoti, alluvioni oppure incendi. Vi sono inoltre delle problematiche inerenti a furti e rapine senza naturalmente dimenticare i malfunzionamenti dell’hardware e l’errore umano che purtroppo un problema sempre in agguato. La continuità operativa è sempre un elemento molto importante per la propria attività tanto da mettere a rischio la salute della compagnia. Riuscire a mantenere i dati aziendali al sicuro è una priorità molto importante per mantenere in buono stato l’operatività delle operazioni. 

5 interessanti obiettivi che possono essere raggiunti mediante il Disaster Recovery

Vi sono alcuni obiettivi molto importanti che possono essere raggiunti con un buon DR e che vanno a migliorare tutti gli aspetti della compagnia. Questi sono i principali obiettivi che un piano del genere deve raggiungere:

  • mantenere l’operatività del sistema in qualsiasi condizione;
  • mantenere sotto controllo i danni in modo tale che il suo impatto sull’attività non sia molto pesante;
  • determinare tutte le operazioni per mettere in sicurezza i vari asset aziendali;
  • stabilire procedure alternative in modo da poter avere una pronta risposta in tutti i possibili scenari;
  • rendere edotti i collaboratori sulle misure corrette di emergenza.

PIETRO MOLLICA TINDARO WEB

TINDARO PIETRO MOLLICA su iOS e Android

APP TINDARO PIETRO MOLLICA

Disaster Recovery: stabilire le policy formali per migliorare la protezione dei dati

Come abbiamo visto, il DR è un piano estremamente complesso e si compone di una serie di operazioni atte non solo a proteggere gli asset informatici ma ad ottenere una maggiore consapevolezza dei lavoratori riguardo questo particolare aspetto. In questo caso le policy formali – anche quelle del sito Tindaro Pietro Mollica – che possono essere adoperate sono:

  • BIA, Business Impact Analysis: che ha lo scopo di individuare le varie aree critiche che possono essere presenti nel sistema;
  • operazione preventive e strategie di recupero: sono molto importanti perché vanno ad anticipare qualsiasi tipo di disastro ed in caso di danni anche come recuperare i dati;
  • piani emergenziali per la IT: la creazione di procedure, più dettagliate possibile, per ripristinare il sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.